scatti & backstage

Ieri (13 Agosto 2017 ndr) ho fatto una camminata in montagna classica delle mie estati: quella dei laghi di Carona in alta Valle Brembana. Potrei stare qui a raccontare quanto siano belli questi laghi, quanto sia piacevole il sentiero e bla bla bla, ma finirei per dire cose già dette in altri articoli o ovvietà. Per questo motivo mi limito a riportare il testo di una lapide posta su una chiesetta che si trova a soli 5 minuti di cammino dal rifugio Laghi Gemelli, ma che nonostante questo riceve una frazione infinitesimale delle visite, come se quelle ultime centinaia di passi fossero qualcosa di improponibile per i più.

Questo è un vero peccato (o una vera fortuna, a seconda dei punti di vista), perché il luogo che si raggiunge è davvero incantevole, con una vista sui laghi "Pian Casere" e "Marcio" davvero incantevole e con annesso un pensiero sulla libertà che ho trovato davvero degno di una riflessione sul valore e la storia della libertà. Ecco il testo:


"Nel 1943
affranta da ventennale prigionia
sanguinante
per vecchie e nuove ferite,
la libertà
si rifugiò tra i monti
come tra le guglie di un tempio
-------------
Nel 1945
i volontari
che per lei
avean cospirato combattuto vinto
la restituirono all'Italia
per la seconda volta redenta
su di essa invocando la benedizione divina"

Condividi!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Altri scatti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39